qualcosa sul blog e qualcosa su di me

dicembre 2011

sul blog

sto vivendo un momento particolare della mia vita. un momento buio. un momento in cui il dolore fa male e la gioia non è piena perché ormai contaminata dal dolore. so che scrivere, lasciar scorrere fuori il flusso infinito di pensieri che mi abitano, sentirli miei, ma anche altro-da-me, sarebbe terapeutico. ma sono sempre stata un po’ restia a mettere in piazza le mie cose…
allora ho pensato di fare di questo spazio un contenitore della parte bella della mia vita, per potervi attingere nei momenti in cui faccio fatica a vederla. non si sta rivelando un compito facile, perché spesso mi lascio sopraffare dal buio che mi impedisce di riconoscere la forma delle cose. però ci provo.
non prometto che metterò solo cose belle qui: probabilmente avrò la tentazione di usare il blog come uno sfogatoio. se questo servirà a farmi sentire più serena, mi sentirò libera di buttarci dentro anche gli sfoghi.

ho deciso di scrivere tutto in minuscolo, perché in questo momento sto vivendo una vita in minuscolo. fanno eccezione le ricette: per praticità, ma anche perché sono legate a momenti (più o meno effimeri) di serenità. quando pasticcio in cucina sto bene (anche se spesso pasticcio in cucina proprio per cercare di stare bene).

su di me

non so bene cosa dire, e allora scrivo un po’ quel che mi viene in mente.

sono sensibile. e per questo spesso appaio distaccata. è una difesa, senz’altro.
sono tendenzialmente solitaria, e questo mi fa male. razionalmente so che ho bisogno delle persone, ma tendo sempre a sfuggirle, a meno che non dimostrino una buona dose di perseveranza nel provare a scalfire la mia scorza dura. anche questo contribuisce al mio apparire distaccata.
in questo periodo mi sento fragile. tanto più fragile quanto più gli altri -da fuori- continuano a vedermi forte.

avevo un umorismo che mi faceva sbellicare. solo a me e pochi altri, a onor del vero, ma serviva ad avere spesso il sorriso sulle labbra. era un umorismo british, of course. ora non sono più così sicura che sarà il mio umorismo a salvarmi, perché da queste parti scarseggia. c’è anche da dire che ho perso delle ottime “spalle”.

ho un marito, Stampatello. una volta mi ha detto pensa in corsivo ed esprimiti in stampatello, che è una frase che riassume bene quello che siamo: io aggrovigliata nei miei pensieri corsivi, lui semplice e pulito come lo stampatello. è buono. paziente. e ha un cuore grande. a volte è solo troppo “stampatello”, e io troppo “corsiva”. questo a volte mi dà da pensare.

nella mia vita sono sempre stata molto fortunata. non ho mai preso grandi batoste. quindi non sono preparata alle difficoltà. magari sarebbe bastata una bocciatura all’esame, per dire. poi -che ne so- una storia d’amore adolescenziale che finisce. cose così. un po’ alla volta. così uno si allena. e invece. subito dentro titolare, senza nemmeno il riscaldamento. senza nemmeno poter chiedere il timeout.
questa partita è fonte di molti, molti pensieri.

ho un lavoro come tanti altri -niente di che- che mi serve principalmente per vivere. di per se’ non ci sarebbe niente di male in questo, se non fosse che sento una sorta di scollegamento tra ciò che sono, ciò che credo e ciò che faccio per circa 9-10 ore al giorno. questo è fonte di pensieri: spesso grigi.
a volte immagino un lavoro-vita alternativi, li progetto nei dettagli. questo è fonte di altri pensieri: colorati, spesso di verde, ma anche di azzurro, di marrone, di rosa-carne.
quando finiscono i pensieri arcobaleno, ritorno alla realtà. questo è fonte di molti pensieri: ho paura che non riuscirò mai ad avere il coraggio di inseguire i miei pensieri colorati, e resterò imprigionata nella mia vita grigia.

Aggiornamento di novembre 2013

A distanza di circa due anni le cose sono cambiate parecchio, soprattutto per l’arrivo, prima nella mia pancia e poi nelle nostre vite, del Piccoletto. È un esserino piccolo piccolo, ma ha portato tanta gioia nella nostra famiglia e non solo. Cosa ne sarà di questo blog non lo so ancora… Al momento non ho tanto tempo per aggiornarlo, però mi dispiacerebbe lasciarlo morire. Non vorrei neanche si trasformasse in uno dei tanti mummy blog, perché ce ne sono molti di validissimi in rete. Forse vorrei semplicemente che rimanesse un posto dove fissare le cose belle che mi accadono, giusto per farmele ricordare e apprezzare. E penso che col Piccoletto intorno ne accadranno delle belle 🙂

9 Pensieri su &Idquo;qualcosa sul blog e qualcosa su di me

  1. Se non fossi stata certa che la pagina era la tua, per un attimo avrei creduto di leggere qualcosa di me…
    Con qualche barosta in più,ma con lo stesso perchè che mi spinta ad aprire il blog, lo stesso marito Stampatello e io mooolto corsiva,anzi troppo :)…
    Insomma tante similitudini,passerò di nuovo a trovarti!
    A presto
    Manuela

  2. Pingback: le nostre ferie d’agosto… a novembre | unsorsoallavolta

  3. Pingback: pausa | unsorsoallavolta

  4. Bizzarro conoscerti proprio nel momento in cui chiudo icommenti almio blog.
    Mi piacciono ituoi pensieri in corsivo. Sono chiari come se fossero stati scritti in stampatello.
    Forse a volte, quando sei da sola, diventano piú contorti ma sento che tu sia in grado di renderli leggibili a te stessa e agli altri. Gli altri non sono TUTTI, un po’ di selezione è necessaria e(darwinianamente;)) naturale

    • proprio così! credo che le relazioni (quelle vere, che si contano su una mano probabilmente) siano la nostra ancora di salvezza in alcuni momenti… l’importante è non dimenticarlo
      chiudendosi del tutto agli altri (in alcuni periodi istintivamente lo farei…)
      grazie per essere passata di qui 🙂

  5. ooh che sorpresa passare di qui dopo tanto tempo e vederecome la tua vita sia cambiata!
    bello leggere ituoi pensieri di neomamma, le insicurezze così come le parole che sanno di inno alla gioia. E come non potrebbe essere d’altronde?
    Felice per te e per la tua nuova vita 🙂
    PS se ti dispiace “far morire il blog”, non farlo;-)
    Anch’io ho avuto tanti ripensamenti, ho chiuso e riaperto. Poi mi sono spostata qui
    http://aliceblossom.blogspot.co.uk/
    e nonostante scriva raramente, mi fa bene sapere di avere un luogo dove poter andare a “rifugiarmi” ogni tanto

    Saluti da Alessia del commento sopra (wordpress non mi fa più commentare coi vecchi account)
    un abbraccio e ancora auguri!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...